19 Ottobre 2021
Blog
percorso: Home > Blog > News

La riforma della UEFA: salary cap, luxury tax e fair play finanziario

11-09-2021 18:00 - News
Nella giornata di ieri la UEFA ha presentato a Nyon un progetto di riforma con cui si spera quantomeno di limare le enormi differenze economiche e sportive che si sono create fra top club e club di medio-basso livello. Un tentativo, quello dell’organo sportivo più importante d’Europa, di ritornare ad un modo più meritocratico di intendere lo sport, in cui a trionfare non è tanto il più ricco quanto il più bravo, il più virtuoso e il più lungimirante, tanto dal punto di vista sportivo quanto dal punto di vista economico.

Per questo motivo, la riforma proposta della UEFA si articola su principalmente tre punti: l’introduzione di un salary cap (la conseguente introduzione di una luxury tax) e l’allentamento delle norme riguardanti il fair play finanziario, che negli ultimi anni ha suscitato non poche polemiche.

Fair play finanziario: torna il sì ai contributi


Per quanto riguarda questo punto, bisogna evidenziare il passo indietro compiuto da Ceferin: il tanto odiato obbligo di pareggiare il bilancio verrà eliminato, e, allo stesso tempo, verrà riammessa la possibilità ai principali azionisti dei singoli club di immettere capitali freschi per riequilibrare completamente i conti. Una mossa, quella del presidente della UEFA, che guarda al passato e che soprattutto vuole permettere ai piccoli club di uscire da una situazione economica tutt’altro che semplice.

Salary cap e luxury tax: l’idea della UEFA per equilibrare il calcio


Oltre ad alleggerire il fair play finanziario, la UEFA ha anche presentato un piano per equilibrare un calcio che negli ultimi anni ha visto crescere a dismisura il divario fra i piccoli club e i grandi club, posseduti da cordate miliardarie capace di azzerare qualsiasi tipo di competizione. Questo piano prevede l’introduzione di un salary cap, ovvero di un tetto salariale che rappresenti il 65-70 per cento dei ricavi del club: a questa riforma si lega anche l’introduzione di una luxury tax, che verrà pagata dai club che sforeranno il nuovo sistema di ingaggi. Allo stesso modo, questo salary cap sarà in vigore in tutti i Paesi membri della UEFA, in modo da non creare alcuna disparità.

Realizzazione siti web www.sitoper.it
invia ad un amico
chiudi
Attenzione!
Non puoi effettuare più di 10 invii al giorno.
 (testo completo) obbligatorio

close
Utilizziamo i cookies
www.misterscommessa.com utilizza cookie propri al fine di migliorare il funzionamento e monitorare le prestazioni del sito web e/o cookie derivati da strumenti esterni che consentono di inviare messaggi pubblicitari in linea con le tue preferenze, come dettagliato nella Cookie Policy. Per continuare è necessario autorizzare i nostri cookie. Cliccando sul pulsante ACCONSENTO, acconsenti all'uso dei cookie. Ignorando questo banner e navigando il sito acconsenti all'uso dei cookie. Se non desideri autorizzare l'utilizzo di tutti o una parte dei cookie, oppure se desideri approfondire l'argomento, consulta la
Cookie Policy - Privacy Policy
Accetta i cookies necessari