06 Dicembre 2021
[]



Mister Scommessa
Pronostici e scommesse gratuiti sul calcio italiano e estero. Su MisterScommessa avrai la possibilità di leggere le nostre recensioni sui migliori siti scommesse e sui migliori bonus scommessa.
Le nostre recensioni ti daranno la giusta conoscenza per scegliere in assoluta libertà il miglior bonus scommessa


Blog
percorso: Home > Blog > News

Juventus, due sconfitte in una settimana: Allegri deve cambiare tutto

31-10-2021 15:00 - News
Se già la sconfitta subita con il Sassuolo aveva lasciato sconcertati la maggior parte degli addetti ai lavori, quella subita con l’Hellas Verona, capace di dominare per larghi tratti del match, ha letteralmente fatto tremare Allegri: com’è possibile che una delle squadre più forti dell’ultimo decennio abbia completamente perso la sua forza in meno di due anni? Apparentemente, sembrerebbe un problema senza soluzione: eppure, se si guarda attentamente a cosa è successo ai bianconeri nelle ultime due stagioni, si capisce cosa manca alla Juventus di oggi.

Allegri, infatti, era riuscito a costruire una Juventus solidissima, capace di vincere quasi ogni partita con il minimo sforzo, seguendo e applicando l’ormai celebre filosofia del “corto muso”. In questo inizio di stagione, tuttavia, questa filosofia non sembra aver fatto presa sui giocatori bianconeri: gli 1-0 a favore della Juve sono stati tanti, ma altrettante sono le partite in cui la Vecchia Signora ha sofferto e non ha portato a casa nemmeno un punto, tanto che ora, dopo 11 giornate di Serie A, si ritrova in nona posizione con appena 15 punti.


Juventus, mancano carattere, centrocampisti e un “vero” attaccante



È evidente, quindi, che qualcosa manca in questa Juventus incapace di dominare il campionato italiano: a mancare, innanzitutto, è sicuramente il carattere, e quindi anche la capacità di gestire le partite con calma, intelligenza e cinismo. Tutte caratteristiche che erano tipiche della prima Juve di Allegri, e che ora mancano, anche a causa di interpreti che, pur potendo contare su un talento di livello assoluto, non sembrano adatti al gioco di Allegri.

Questi interpreti si trovano soprattutto a centrocampo, dove Rabiot e Ramsey, che rappresentano una spesa decisamente elevate nel monte ingaggi, sono fuori dal progetto tecnico di Allegri. All’allenatore toscano, quindi, rimangono sostanzialmente tre centrocampisti: McKennie, Bentancur e Arthur, che, però, ha dimostrato di non avere la tenuta fisica necessaria per garantire costanza alla squadra bianconera. Allo stesso modo, va segnalata l’assenza di una punta capace di garantire almeno 20 gol a stagione: Dybala è sempre più un trequartista, mentre Morata e Kean non sono mai andati oltre ai 15 gol stagionali nelle rispettive carriere. Un Suarez, quindi, farebbe comodissimo alla nuova Juventus di Allegri.

Tags: news

Realizzazione siti web www.sitoper.it
invia ad un amico
icona chiudi
Attenzione!
Non puoi effettuare più di 10 invii al giorno.
 (testo completo) obbligatorio

cookie